TRADUTTORE

mercoledì 11 marzo 2015

POLLO ALLA CURCUMA E SEMI DI SESAMO


La calura estiva aveva deciso di regalarci una tregua proprio mentre uscivo dall’ufficio. Feci appena in tempo a salire sul tram, affollato e maleodorante, che il cielo aprì le cataratte rovesciando sulla città arroventata da giorni di afa torrida una quantità d’acqua da spaventare anche Mosè. Mentre venivo sballottata dai movimenti del mezzo e dalla calca che mi circondava, mi domandavo dubbiosa se l’ombrellino che mi ostinavo a infilare sempre nella borsa mi avrebbe protetto nel tragitto fino alla metropolitana. Mancavano ancora poche fermate ma tuoni e fulmini non accennavano a placarsi, tanto meno le enormi gocce che inzuppavano i vetri e che l’autista tentava disperatamente di spazzolare via per avere una visuale decente. Sotto la tettoia era stipata una folla che, appena il tram si fermò, iniziò a salire. Possibile che mai, ma proprio mai, si avesse la cortesia di lasciar scendere i passeggeri prima di avventarsi sul mezzo in arrivo? Spintonando malamente vecchi, donne e bambini guadagnai l’uscita aprendo velocemente il mini ombrello. “Ciao! Mi dai un passaggio?”. Due occhi incredibilmente azzurri mi guardavano a pochi centimetri dal mio naso. Un uomo giovane e profumato, fresco di doccia e di rasatura si era spudoratamente infilato sotto il mio parapioggia e mi sorrideva sornione. La folla, la pioggia, il vento, scomparvero all’istante; inebriata dal suo odore, avvertivo solo il peso della sua mano, audace ma rispettosa,  sul mio fianco destro a guidarmi come in una danza per evitare le pozzanghere.

Sei mesi, due settimane e tre giorni dopo quel temporale ci aspettava una pioggia di riso, confetti e petali di rose mentre la sua mano appena inanellata da un cerchietto d’oro si appoggiava sul mio ventre un po’ (sospettosamente) arrotondato.

POLLO ALLA CURCUMA E SEMI DI SESAMO

Tagliare un petto di pollo a dadini e infarinateli. Tritare una piccola cipolla e stufarla in padella con un filo di olio evo. Aggiungere uno spicchio di aglio schiacciato e ½ cucchiaino di zenzero e saltare per un paio di minuti. Aggiungere i pezzi del pollo, 1 cucchiaino di semi di sesamo e 1 cucchiaino di curcuma e ½ di curry, pepe a piacere. Rosolate per qualche minuto poi versare del brodo caldo, abbassare la fiamma e cuocere coperto per venti minuti.

Ispirazione presa da qui.

E’ incredibile come in questo paese dove lavoro attualmente tutti abbiano voglia di raccontarsi!


8 commenti:

  1. Che bello, Amelie!!! un nuovo racconto!??!! :-)

    RispondiElimina
  2. l'ho gia' fatto al curry, mai alla curcuma, mi hanno detto che e' strepitoso, devo provarlo, mi hai convinto!!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
  3. Racconto romantico, che meraviglia!!!
    Anch'io preparo spesso il pollo alla curcuma... delizioso!!
    Buon pomeriggio!!

    RispondiElimina
  4. Un racconto molto romantico e il pollo deve essere delizioso e profumato . Baci

    RispondiElimina
  5. Ottimo così cucinato... che saporino delizioso con la curcuma, mi piace molto, brava!!!

    RispondiElimina
  6. Ecco la mia Amelie che racconta così bene le cose della vita! Il pollo però passa in secondi piano pur nella sua profumata bontà.... bacioni

    RispondiElimina
  7. Buonoooo!! Da provare!!
    Un abbraccio
    Vera

    RispondiElimina

Grazie per le vostre parole...